15/10/2020
Largo Consumo 09/2020 - Approfondimento - pagina 45 - 2 pagine - Magna Laura
Vino

Un calice pieno a metà

Un calice pieno a metà

Una vittima eccellente del Covid? L’industria vinicola. È quanto si evince dalla edizione 2020 dell’indagine sul settore realizzata dall’Area studi di Mediobanca, che rileva come il 63,5%delle imprese italiane e internazionali preveda una riduzione del fatturato nel 2020. Sul comparto pesano la crisi del turismo e del travel retail e la chiusura totale che hanno subito le attività di ristorazione in tutto il mondo. Per quanto riguarda l’Italia, la Congiuntura Confcommercio n. 5 del 18 maggio indica che i consumi nei ristoranti sono calati del 50%amarzo e del 92% ad aprile. Mentre, per quanto riguarda la mobilità, i servizi in generale hanno subito un calo del 64,5% a marzo e dell’81,4% ad aprile, rispetto all’85,2% di marzo e al 91% di aprile dei trasporti aerei. Non solo: l’impossibilità di movimentare per- U sone ha reso difficoltoso il reperimento di lavoratori stagionali ed è stato necessario mettere in conto maggiori costi, in termini di precauzioni sanitarie, per effettuare i lavori in vigna. E questo mentre le aziende combattevano con la carenza di liquidità e con la necessità di gestire le giacenze invendute.

Argomenti

Citati in questo articolo:
Comité européen des entreprises, Zambon Floriano, gruppo Cantine riunite & Civ, Palazzo Antinori, cavit, caviro, wto, mediobanca, mezzacorona, casa vinicola zonin, confcommercio, città del vino, santa margherita, la marca, ruffino, università di salerno, casa vinicola botter, world trade organization, fratelli martini, enoitalia, farnese, mondodelvino